Come creare un Brand da zero (e perché ti serve un professionista del Posizionamento di Marca)

Se ancora tante aziende stentano a raggiungere dei buoni risultati fin dalla loro nascita, un motivo c’é: il loro Brand, in realtà, non esiste!

 
 

Ti sei mai chiesto perché tanti imprenditori, pur investendo risorse fisiche, mentali e materiali nelle loro creature, 
non riescono a raggiungere i risultati sperati?

Ovviamente i motivi possono essere molteplici, ma in base alla mia esperienza posso affermare che, spesso,
il loro destino è già segnato fin dalla nascita della loro azienda a causa della creazione di un Brand che non funziona, o, meglio, che non esiste affatto.

Stai pensando di idearne uno tutto tuo da zero?

Non fare gli stessi errori che commettono tanti altri imprenditori: prima di procedere, leggi il seguente articolo.
In questa pagina desidero illustrarti i passi da compiere per creare da zero un Brand efficace grazie al Posizionamento di Marca.

 

 

Perché tanti Brand non esistono davvero sul mercato?

 

 

Ancora oggi esiste un equivoco ricorrente che è la causa del fallimento di tante aziende già nel momento della loro fondazione: la convinzione che per creare un Brand da zero è sufficiente scegliere un nome, schiaffarlo sopra un logo ‘creativo’ e buttarsi a capofitto nel marketing per farsi conoscere tra i consumatori.

Purtroppo (o per fortuna), le cose non sono così semplici.

Prendiamo, ad esempio, i nomi delle aziende: spesso questi vengono ideati utilizzando degli acronimi
che per i consumatori non hanno alcun significato.

Oppure, vengono creati inserendo i cognomi dei fondatori: qualcosa come ‘Ditta Rossi & figli’.
Con dei nomi del genere quante possibilità ci sono di essere realmente percepiti sul mercato?
 

Nessuna!

 
Insomma, non basta accoppiare un nome a un logo per creare un Brand, perché un marchio esiste davvero solo quando si posiziona nella mente delle persone e viene percepito in maniera distintiva, rilevante e competitiva.

Mi spiego meglio.

Distinguersi in maniera rilevante significa essere diversi dagli altri, magari offrendo qualcosa che nessun altro
mette a disposizione dei consumatori.

Ma tutto questo non basta se non viene inserito in un’ottica competitiva,
ovvero in base a quelle che sono le caratteristiche dei concorrenti già inseriti sul mercato.

Cosa dicono i miei competitor? Cosa offrono? Come vengono percepiti dal mercato?
Esiste una nicchia che hanno lasciato libera e nella quale posso inserirmi efficacemente?

Queste sono le domande da farsi prima di decidere come creare un Brand da zero.

 

 

La guerra tra i Brand non si combatte nel mercato, ma nella mente dei consumatori.

 

Chi può rispondere alle domande che ti ho illustrato in precedenza?
Un professionista in grado di svolgere un’analisi strategica.
 
Oggi tutti si concentrano sull’operatività: quali strumenti di comunicazione devo utilizzare per pubblicizzare il mio Brand?
Come muovermi per fare marketing? Quale prezzo richiedere per i miei prodotti/servizi?
 
Il problema è che nessuno si preoccupa di partire dalla strategia. L’analisi del mercato, dei competitor,
di sé stessi. La raccolta dei dati volta a stilare un piano di lungo respiro. 

Tutte queste operazioni vengono trascurate compromettendo dal principio qualunque possibilità di crescita.

 

Eppure, già 2.500 anni fa circa qualcuno spiegava che “se conosci le tue capacità e quelle del nemico non dovrai temere l’esito di cento battaglie; se conosci te stesso, ma non il tuo avversario, per ogni vittoria subirai una sconfitta; ma se non conosci né la tua forza, né quella del rivale, perderai in ogni battaglia“.
 
Si tratta di Sun Tzu, il generale e filosofo cinese noto per aver scritto il celebre libro ‘L’arte della guerra’ che,
con le parole che ho riportato, sostiene proprio la necessità di conoscere preventivamente sé stessi e il nemico
prima di dare battaglia
.
 
La competizione commerciale, d’altronde, non è dissimile da una guerra.
Non lo dico io, lo hanno sostenuto grandi esperti di marketing come l’americano Jack Trout,
uno dei pionieri della teoria del ‘marketing warfare’. 
 
E il campo di battaglia, paradossalmente, non è il mercato in sé ma la percezione che i consumatori hanno di esso.
In altre parole, la guerra del marketing si combatte nella mente dei clienti.
 


Perché Galileo avrebbe tanto da insegnare a chi fa marketing

 

 

Non rimane che rispondere a una domanda che potresti farti dopo aver letto i paragrafi precedenti: ok, per creare un Brand efficace da zero è necessario effettuare a monte un’analisi strategica dei competitor e del mercato, ma perché non posso farla da me?
 
Ho davvero bisogno di un professionista?
Sì, ne hai bisogno perché questa analisi non può essere svolta da chiunque.
 
Deve essere eseguita da un esperto in possesso di un valido metodo scientifico, come quello che applico regolarmente nel mio lavoro. Questo termine potrebbe farti storcere il naso: che c’entra il metodo scientifico con la creazione di un Brand?

Stiamo parlando di marketing, non di scienza. Vedi, la verità è che c’entra, eccome!

Definisco il mio metodo ‘scientifico’ perché si fonda su una serie di test storici che, empiricamente,
hanno dimostrato che funziona
.

È stato applicato tante volte in passato e i dati raccolti evidenziano la sua efficacia.
Nelle analisi di mercato non c’è spazio per l’improvvisazione, per i ‘secondo me’.

La parola spetta sempre ai numeri e ai fatti concreti: se una cosa funziona è valida. Se non funziona è da scartare.

Tutto questo, naturalmente, al netto dei rarissimi colpi di fortuna che, talvolta,
portano al successo alcune aziende nonostante gravi lacune a livello di strategia.

Ma i dati statistici parlano chiaro: affidarsi alla dea bendata è una follia.
Affidarsi a un metodo solido e collaudato, invece, paga sempre.
 
E una rivoluzione scientifica, sul modello di quella iniziata con Galileo, è ciò che servirebbe nel marketing di oggi.
 

In conclusione

 

Ricapitoliamo le informazioni che ti ho illustrato in questo articolo: per creare un Brand da zero devi puntare a posizionarti
nella mente del tuo target di riferimento in modo distintivo, rilevante e competitivo.
A questo scopo è necessaria un’analisi strategica dei competitor e del mercato per raccogliere i dati che ti servono
per stilare un piano d’azione concreto ed efficace.
Questa analisi deve essere condotta da un professionista in possesso di un metodo scientifico collaudato:
qualsiasi improvvisazione va evitata sempre, senza alcuna eccezione.
 
Sei pronto a creare da zero il tuo Brand e a posizionarlo sul mercato in modo da trovarti in vantaggio rispetto ai tuoi competitor?
 
Prenota una consulenza e parliamone assieme.

Autore: Marco Viviani

Autore: Marco Viviani

Dopo la Laurea in Comunicazione con la Tesi sui linguaggi persuasivi della televisione,
inizia il suo percorso professionale in alcune start-up, constatando al loro interno, la mancanza di un approccio metodico alla comunicazione persuasiva.

Decide cosi di approfondire i processi psicologici legati all'acquisto specializzandosi nel Brand Positioning.

Opera su tutto il territorio nazionale, uno dei suoi lavori è stato citato nell'unico libro italiano sul Posizionamento di Marca: "Zero Concorrenti".

È stato speaker e docente per eventi nazionali e per la Facoltà di Economia di Cagliari.

Vuoi capire perché il marketing senza il Posizionamento di Marca è solo un palliativo?

Scarica gratis Brand Zero, la guida che racconta i 5 errori più diffusi nel strategie di marketing che impediscono la creazione di un Brand.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *